Menu
A+ A A-

CR7 firma il Berlusconi

Incontro pirotecnico per omaggiare il classico trofeo di apertura della stagione. Parata di stelle sotto gli occhi di un compiaciuto Silvio in tribuna d'onore che non ha però potuto godere delle gesta di Re Zlatan causa positività al Covid19 proprio nell'immediato pre-partita. Tuttavia gli attuali rossoneri Donnarumma e Kessie e l'ex Locatelli hanno ben difeso i colori del padrone di casa, mentre le superstar Kulusevski, Ronaldo e Dzeko hanno garantito sostanza e spettacolo. Berlusconi e Galliani, oggi al Monza, e tutti gli appassionati hanno assistito entusiasti alle sei reti complessive per un finale di 4-2 in favore della Foiadsmaren. Ora buttiamoci tutti sul campionato!
Leggi tutto...

Scudetto Granata, ora si punta al biplete

  • Pubblicato in 14-15
Dopo cinque stagioni avare di soddisfazioni, il presidente Vezzani può finalmente sciabolare uno champagnino e dare inizio ai grandi festeggiamenti in attesa di esplodere già da qualche settimana. La partita scudetto è stata una vera e propria fiera del goal che ha visto protagonisti i principali artefici di questa trionfale cavalcata: su tutti Luca Toni, al secondo scudetto consecutivo e lasciato partire prematuramente dai dirigenti Telecom. Hanno confermato la loro grande stagione anche Candreva, Vazquez e Gabbiadini e, ciliegina sulla torta, un Ilicic che ha tirato fuori il coniglio dal cappello nel momento cruciale del torneo, quando il resto dei compagni pareva subire una flessione e la volata scudetto entrava nel vivo. Come ogni buona vittoria anche la giusta dose di fattore C, soprattutto quando serve, è fondamentale per il raggiungimento dell'obbiettivo e mr. Vezzani si augura che duri quantomeno fino al 23 maggio, data della finale di coppa, remake di quella del 2012. Non dimentichiamo, poi, di onorare i vinti, coloro che hanno combattuto e sgomitato fin sulla linea del traguardo e hanno collaborato a rendere divertente, spettacolare e competitivo questo campionato; in evidenza su tutti Longobarda, sempre nei garretti di Reggiano, Foiadsmaren e una Banda Fratelli rivitalizzata dal mercato di gennaio. Rimanete tutti sintonizzati per i dettagli della cena sociale di fine anno.
Leggi tutto...

Pocci pigliatutto, bacheca da paura

La truppa bianco-viola non si ferma nemmeno davanti ai calci di rigore e centra il filotto. Dopo aver conquistato scudetto e coppa nella scorsa stagione, porta a casa pure la supercoppa, ed è già la seconda. In sole tre stagioni mister Pocci ha vinto due scudetti, due coppe e, per non essere da meno, due supercoppe; ha fatto suoi sei dei nove trofei in palio. Forse la vittoria del Trofeo Moretti nella sua prima partita ufficiale rappresentava un segno premonitore. Quest'anno non partiva certo favorito viste le fatiche del mercato e la carestia nel reparto avanzato, ma al cospetto di un Brunetta in nuova veste FortApache, ha saputo reggere le offensive dei Fannulloni per poi colpire dal dischetto. Tuttavia, il campionato è molto lungo e la carenza di un attacco di peso potrebbe farsi sentire, soprattutto in concomitanza con gli impegni europei. La matricola AC Ferro non parte col piede giusto e fa compagnia a Picchia, Fannulloni e Marmotte a quota zero, mentre Reggiano e Longobarda pare abbiano trovato subito l'alchimia giusta e impongono il ritmo. Un paio di settimane e vedremo di che pasta son fatti.
Leggi tutto...

Tutto pronto per la finalissima

Una partita per entrare nella storia, una finale giocato nello stadio che la storia l'ha fatta. Quattro giorni alla gara che vale una stagione e che vede, negli ultimi anni, per la prima volta due squadre che hanno navigato per quasi tutta la stagione nella parte bassa della classifica. Primissima volta per Reggiano che vede la possibilità  di vincere il primo trofeo della sua storia; non la prima finale per Jack, ma negli ultimi tempi mai si è avvicinato così tanto alla vittoria di una competizione. Sarà  una grande partita con tanti campioni da una parte e dall'altra con un sapore ancor più speciale perchè risulterà decisivo il derby Milan-Inter di domenica sera. Sulla sponda pirata capeggia Ibrahimovic mentre su quella granata sono numerosi i combattenti nerazzuri tra cui spiccano Julio Cesar in porta  e Milito e Pazzini in avanti. Kick off!

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS