Menu
A+ A A-

Pocci e Sello di nuovo al trotto, Reggiano rompe

Primo tonfo casalingo per i granata, pesante nel risultato e negli effetti; ora è la TelecomA a guidare la classifica e saranno proprio i bianco-viola, sabato prossimo, ad ospitare l'undici di Veltias per decidere il campione d'inverno al giro di boa. E proprio in boa i blaugrana di Pisellone, con una manovra d'autore, hanno la possibilità d'infilare la prua davanti a parecchie imbarcazioni avversarie. Dopo una partenza molto difficile, infatti, le Marmotte hanno saputo risalire la china col duro lavoro in allenamento e pochi, ma importantissimi innesti in corsa, che hanno saputo finalizzare il grande impegno di tutta la squadra. Su tutti spicca il giovane Berardi che impala Reggiano con una tripla e porta aria d'alta classifica in casa Marmotte, ormai abituate a questi palcoscenici e a lottare per il titolo. Sulla scia delle Marmotte si fan vedere anche i Pierrots con il loro caratteristico approccio da dietro; le squadre del Genio partono piano a settembre per poi riprendere solitamente di slancio, dopo il ritiro invernale al caldo di Dubai, con un richiamino di preparazione che consente maggiore freschezza rispetto agli avversari. Anche la Foiadsmaren riprende la marcia dopo le due sconfitte consecutive che l'avevano allontanata dalla vetta; ora il primo scalino dista solo tre lunghezze e chiudere il girone d'andata con trenta punti sarebbe un ottimo auspicio per un evnetuale vittoria a maggio. In coda arriva la vittoria scaccia crisi dei pirati che allontanano nubi oscure dalla testa del proprio allenatore e salpano verso lidi più tranquilli. In fondo al gruppo continua la serie nera della Renato Serra che incappa nella nona sconfitta stagionale e naviga ben sette punti sotto la media retrocessione delle ultime stagioni; nemmeno il Busogna, da quando il torneo è a dieci squadre, era riuscito a far peggio. Vedremo se El Comandante saprà tirar fuori qualcosa di buono dai suoi prima del giro di boa.
Ultima modifica ilMercoledì, 15 Gennaio 2014 16:47
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto