Menu
A+ A A-

Fratelli al comando, primo mercato al via!

Come annunciato in corso d'asta iniziale ed illustrato nel regolamento 1516, nelle prime tre sessioni di mercato ogni fantallenatore deve completare uno dei tre ruoli di movimento (difensore, centrocampista o attaccante) aggiungendo un'unità senza alcuna necessità di svincolarne alcuna. Rimane a totale discrezione di ogni fantallenatore se operare questo acquisto nel primo o secondo turno di ognuno dei primi tre mercati. Alla fine del terzo mercato di riparazione tutte le rose devono essere così composte: 3p, 9d, 9c, 6a. Tutte le operazioni (svincoli ed acquisti) in entrata e uscita durante i mercati di riparazione vengono registrate a 0(zero) crediti.

Si parte stasera alle 20.00. Come al solito dall'ultimo via via salendo con la classifica.

Primo Turno

1 AC Picchia- 4nov dalle 20.00

2 AC Ferro - 4nov dalle 21.00

3 Giovani Marmotte - 4nov dalle 22.00

4 Fannulloni di Brunetta - 4nov dalle 23.00

5 TelecomA - 5nov dalle 08.00

6 Foiadsmaren - 5nov dalle 10.00

7 Reggiano - 5nov dalle 12.00

8 Genio e Pierrots- 5nov dalle 14.00

9 Longobarda - 5nov dalle 16.00

10 La Banda Fratelli- 5nov dalle 18.00

Secondo Turno

1 AC Picchia- 5nov dalle 19.00

2 AC Ferro - 5nov dalle 20.00

3 Giovani Marmotte - 5nov dalle 21.00

4 Fannulloni di Brunetta - 5nov dalle 22.00

5 TelecomA - 5nov dalle 23.00

6 Foiadsmaren - 6nov dalle 08.00

7 Reggiano - 6nov dalle 10.00

8 Genio e Pierrots- 6nov dalle 12.00

9 Longobarda - 6nov dalle 14.00

10 La Banda Fratelli- 6nov dalle 16.00


Venerdì 6 novembre alle ore 18.00 si chiuderà questa sessione e le rose saranno aggiornate.

Leggi tutto...

TelecomA - inferno, andata e ritorno

Dopo dodici mesi di rifondazione Pocci torna in vetta con un prorompente cinque a zero ai danni dei poveri colchoneros che devono pure fare i conti con l'infortunio del bomber Dzeko. Tre vittorie in quattro partite e primo posto in coabitazione con quella Longobarda che verrà affrontata sabato nel big match dal sapore di sfida scudetto.

Anche se quattro turni sono troppo pochi per tracciare un bilancio, nella parte alta la sinusoide biancoviola ha tutte le caratteristiche per una stagione al vertice, ma nei bassifondi Dipalo e Brunetta non devono disperare: il torneo è lungo e ci sono ampi spazi per grandi recuperi. In grossa difficoltà troviamo anche i campioni in carica che non riescono a levarsi dal pantano in coda nonostante i pesanti investimenti sul Pipita.

Ma c'è l'alibi infermeria, un pò per tutti, già piena e ingolfata in questo inizio di stagione come non mai. Chi ha perso il portierone, chi ha visto sfumare per un paio di mesi tutti i soldi investiti sul superbomber, ma non sono da sottovalutare nemmeno le ingenti perdite in mezzo al campo. La sosta nazionali accontenterà un pò tutti per i tempi di recupero, ma saranno quindici giorni strepitosi per chi farà suo il super big match prima della volata per Natale.

Leggi tutto...

Disfatta granata. Il Quaglia tiene Foia in vita

Nelle previsioni era un turno chiaramente favorevole a Reggiano, tuttavia l'orgoglio Colchoneros (eccezion fatta per il mister che si addormenta sulla distinta) si impone e i biancorossi giocano la partita della vita segnando il secondo goal delle ultime sei partite e bloccando sul nascere tutte le reazioni granata. Ne consegue una vittoria striminzita per Dipalo, seconda consecutiva, che permette l'aggancio ai campioni della TelecomA, mentre i ragazzi di Reggio limitano i danni soltanto grazie ai Fannulloni che bloccano la capolista sull'uno pari.

Tra gli inseguitori tiene il passo soltanto la Foiadsmaren che, grazie a un Quagliarella ritrovato, accorcia a cinque le lunghezze di ritardo dagli uomini di Oronzo. Nel mezzo regna la confusione, i pirati perdono malamente dopo un paio di belle vittorie, il Genio strapazza le Marmotte orfane del miglior Higuain e Ferro porta via un onesto pareggio a reti bianche a casa Pocci. In attesa della pubblicazione delle liste aggiornate siamo pronti per la nuova sessione di mercato che porterà nuova linfa a macchia di leopardo in tutte le squadre. Rimanete in allerta!

Leggi tutto...

Foia non si ferma più, Pocci sbatte su Dipalo

La Foiadsmaren guadagna un punto sulla seconda, ma è il riferimento che cambia; infatti non c'è più la brigata Pocci alle calcagna della capolista, ma ci sono i Colchoneros che quest'anno non vogliono proprio saperne di arrivare dietro a chicchesia. Dopotutto uscire con i tre punti dalla Telecom Arena non è cosa di tutti giorni, ma in questo caso vale pure il sorpasso in classifica e ciò che più conta, permette ai biancorossi di non perder terreno dalla banda giallonera che, a sua volta, si è disfatta del cognato del derby in famiglia. Domenica arrivano impegni, sulla carta, di poco conto e la volata pare protrarsi fino all'ultima giornata... dipende sempre con chi ha voglia di giocare Kulovic, chiaro! In coda continua la rincorsa della Renato Serra che ormai ha nel mirino Longobarda e Banda Fratelli, sempre più alle prese col fattore rogna.
Leggi tutto...

E' un Genio maravilla, alle Marmotte salta la catena

Galoppata memorabile dei Pierrots che infilano la sesta vittoria consecutiva e ammucchiano altri tre punti nella loro classifica che ora li vede in vetta, da soli, con un punto di vantaggio sulle Marmotte. Un sorpasso nel momento migliore, proprio alla vigilia dello scontro diretto con gli acerrimi rivali delle Marmotte, già protagonisti nel 2011 di una simile volata scudetto conclusa poi con la vittoria blaugrana.  "Non cè tempo per pensare a quello che fu, bisogna concentrarsi sul presente e continuare, se possibile, questa magnifica cavalcata, poi alla fine dell'ultima partita ci fermeremo e guarderemo dove siamo arrivati" così tuona mister Genio alla conferenza stampa di fine partita dopo l'imperdibilie vittoria per 3-2 sui Colchoneros. E dire che l'uomo più temuto nel prepartita, Osvaldo, ha pure fatto 17 punti, ma i Pierrots non si sono persi d'animo e, sospinti anche dalle notizie del pareggio delle Marmotte, hanno dato tutto in campo arrivando a segnare il terzo vantaggio e portando a casa la partita. Domenica si annuncia il tutto esaurito nell'impianto blaugrana con tutto il pubblico che vorrà spingere i propri beniamini al nuovo sorpasso per poi essere padroni del proprio destino.

Leggi tutto...

Picchia e Renato, andamento lento

Le inseguitrici non approfittano del nuovo passo falso della capolista nella tana delle Marmotte e recuperano una sola lunghezza sugli uomini di Pocci. I granata, per la verità, incontrano un'ottima prova dei Fannulloni che, guidati da Inler e Paletta oltre quota 72, fanno vedere i sorci verdi a El Comandante prontamente rinfrancato dal goal di Sansone in zona Cesarini che vale un buon pareggio. Non si può far lo stesso discorso per i Colchoneros che non vincono da ormai cinque partite e offrono anche oggi una prova deludente strappando un punto ad un Reggiano ancora una volta in confusione totale. I formaggini di Veltias avevano sul piede di Gabbiadini la palla del match, ma groviera Sorrentino e l'infermeria granata hanno graziato le terga di Dipalo buttando al vento altri due punti nella rincorsa salvezza. Ora serve più che mai un solido intervento in sede di mercato.

Leggi tutto...

Pocci sprint per mezzo scudetto

Una TelecomA d'assalto sbaraglia la Banda Fratelli e pizza lo spint decisivo in vista della volata per il titolo d'inverno che, anche per le statistiche, vale mezzo scudetto. Mentre i biancoviola di Pocci archiviavano la pratica pirati già nel primo tempo, i Colchoneros si impantanavano sul campo di una Foiadsmaren quanto mai battagliera che superava di misura quota 72 grazie al solito assist di un Pasqual fenomenale. Ora il fattore rogna presenta il conto al buon Dipalo che, fin qui, ha veleggiato in alta quota sospinto da strane correnti che ne falsavano i valori; i soli tre punti di ritardo dai campioni in classifica, infatti, gridano vendetta rispetto ai quasi 80 nella Gran Prix. Più indietro tengono il passo soltanto le Marmotte che hanno la meglio su dei volenterosi Pierrots sempre più invischiati nella lotta salvezza. Colpo di reni in coda di Reggiano che trova un punteggio stellare per la sua media stagionale e tira nella mischia delle basse temperature un Brunetta in crisi di risultati nonostante le buone prestazioni.

Leggi tutto...

Babbo Foia in vena di regali, Pocci in vetta

Pocci aggancia i Colchoneros in testa e lancia quella che ha tutta l'aria di prima fuga della stagione con quattro lunghezze sulla prima inseguitrice. Curiosità alquanto particolare consiste nel fatto che i primi tre in classifica generale sono gli stessi che hanno chiuso sul podio la stagione precedente, pur non rispettando precisamente l'ordine. Dunque le forze (o le chiappe) in gioco non sono state ridistribuite e il torneo 2012-2013 pare ridisegnare gli eventi di quello vinto dalla Telecoma a maggio all'ultimo respiro. Continuano a faticare le "grandi" che vedono la Banda insabbiarsi definitivamente pur dopo un ottimo avvio, la Longobarda gettare continuamente al vento occasioni di rilancio e il Genio che non riesce ad infilare due vittorie consecutive per levarsi dalle sabbie mobili del fondo classifica. Tuttavia, salvo le due fuggitive ed il fanalino Reggiano, il peloton è davvero compatto e con due risultati consecutivi chiunque può emergere e lanciarsi all'inseguimento.

Leggi tutto...

Pocci a forza 9, Picchia e Jack non mollano

Questo Pocci non conosce ostacoli e si scrolla di dosso ogni avversario con una semplicità disarmante. Anche la Renato Serra, tradita in parte da Cavani, è costretta ad affondare sotto i colpi della TelecomA e lo strapotere del centrocampo biancoviola che mette in ghiacio la partita. Decide ancora una volta la grande qualità messa in campo da Pocci soprattutto sulla linea mediana e quando il panzer Klose pare avere le polveri bagnate ci pensa Toni a cavar le castagne dal fuoco. Dietro le due principali inseguitrici non mollano e rimangono rispettivamente a due e tre lunghezze con in arrivo un turno entusiasmante che vede le prime tre tutte in gare esterne, ma se per Jack e Tia si prospettano due battaglie, meno impegnativo certamente è l'impegno della TelecomA che farà visita ai rottami dei Pierrots.

Leggi tutto...

Reggiano non la vede mai, Dipalo culolista

Si scontrano i due peggiori attacchi e (chiamale se vuoi) miglior difese del campionato... "non può che finire 0-0" è il primo pensiero che hanno in molti, ma pochi ricordano il dodicesimo uomo che Mattia in questa stagione ha saputo sfruttare al massimo e su cui ha sempre fatto affidamento nei momenti di difficoltà. Entra così in campo il numero 99, Kulovic, e decide la sfida in favore dei biancorossi che portano a casa il sesto successo in 10 gare con soli 9 goal fatti. Per la verità sono i soli 7 goal subiti a gridare vendetta, gli stessi subiti da Reggiano, sempre più fanalino di coda e sempre più sterile in avanti con un Giovinco campione a metà e un Vucinic mai goleador. Per il momento ci limitiamo a dire.... sfetta Mattia, sfetta... che prima o poi finsce anche il Culatello!

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS