Menu
A+ A A-

Coppa Materasso!

Avvincente finale di Coppa Maria sul neutro di Bari la Dipalese ha la meglio sui campioni uscenti della Banda Fratelli che non partivano favoriti a causa dei pesanti forfait di Ciccio Caputo e Robin Gosens. Molti gli ex di lusso: Dybala, Morata, DeVry e Vlaovich. Dirige l’incontro, ovviamente Cinciripini di Ascoli.

Subito avanti gli uomini di capitan Jack con uno splendido cucchiaio del serbo che trafigge Reina. Pronta la risposta dei colchoneros: è proprio una palombella dell’ex Alvaruccio che trafigge un incolpevole Handanovic. Squadre ben messe in campo con un predominio territoriale dei verde-oro, doppia occasione per Rodrigo Dipaolo ma Reina compie il miracolo. Pirotecnici gli ultimi minuti: prima una magia del giovane talento Mihaila (da poco sbarcato in Italia con un barcone di profughi) illude la Banda Fratelli ma a tempo scaduto l’arbitro concede un contestatissimo rigore e il buon Luigi Muriel porta l’incontro sul 2 a 2.

Oramai rassegnati ai calci di rigore, dove la Banda Fratelli può schierare una serie di infallibili tiratori, ecco che l’arbitro Manuel CInciripini estrae il suo magico taccuino e, con l’incredulità di tutti, dispone la disputa dei tempi supplementari al posto dei calci di rigore, il tutto pare, a causa di un emendamento al regolamento passato in sordina con l’ultimo d.p.c.a. Squadre stanche ma mai dome quand’ecco che il buon Dipa estrae il jolly inserendo un fin qui opaco Gervinho il quale, sfruttando un fortunoso rimpallo infila la porta di un incredulo Handanovic. Grande festa durante tutta la notte al Vicente Calderon per il primo agognato ma meritato trofeo di AC Picchia.

Leggi tutto...

Brunetta espugna la Perla Nera

Sulla soglia del mercato, quarta vittoria in fila per i Fannulloni che banchettano sul campo della capolista cogliendo, così, bottino pieno con le prime due della classe in una settimana. Le tante facce nuove in spogliatoio hanno rilanciato la squadra del Presidente che ora è avvinghiata ai garetti della Foiadsmaren ed insegue i Pirati battistrada a sole due lunghezze.

Da segnalare in coda il grande exploit dei Colchoneros che, pur incassando due poderosi destri, battono di misura la Foiadsmaren a domicilio. Vittoria storica per i numeri e per la dinamica, chissà che non rappresenti la svolta per la stagione dei biancorossi.

Mercato di riparazione, come al solito dall'ultimo via via salendo con la classifica.

Primo Turno

1 Giovani Marmotte - 3feb dalle 18.00

2 Genio e Pierrots - 3feb dalle 19.00

3 AC Picchia - 3feb nov dalle 20.00

4 Longobarda - 3feb dalle 21.00

5 Reggiano - 3feb dalle 22.00

6 I Fannulloni - 4feb dalle 08.00

7 Foiadsmaren - 4feb dalle 10.00

8 La Banda Fratelli - 4feb dalle 12.00

Secondo Turno

1 Giovani Marmotte - 4feb dalle 14.00

2 Genio e Pierrots - 4feb dalle 16.00

3 AC Picchia - 4feb nov dalle 18.00

4 Longobarda - 4feb dalle 19.00

5 Reggiano - 4feb dalle 20.00

6 I Fannulloni - 4feb dalle 21.00

7 Foiadsmaren - 4feb dalle 22.00

8 La Banda Fratelli - 4feb dalle 23.00


Il mercato chiude Venerdì 5 febbraio alle 12.00. Poi le rose saranno aggiornate.

Leggi tutto...

Meglio perderne una 5-0 che perderne cinque 1-0

Il grande maestro serbo ci aveva visto giusto. Uno dei suoi più celebri aforismi non fu mai più calzante per commentare una giornata di fantacampionato. La capolista che, sin qui, aveva subito soltanto tredici reti in sedici incontri, ne incassa quattro in una volta sola resuscitando una Banda Fratelli che navigava molto al largo dalle acque scudetto. Prima vera batosta stagionale per le camisete blanche di Oronzo che, tuttavia, non sono turbate più di tanto viste le sette lunghezze che le separano dalla triade inseguitrice.

La più attrezzata per battagliare fino a maggio pare sempre la compagine Brunetta che vanta un attacco stellare ed un undici di tutto rispetto, ma pure la Foiadsmaren non è da sottovalutare, soprattutto se dovessero trovare più continuità le due ali offensive Mertens e Cuadrado; per quest'ultimo suonano sirene inglesi, ma il maresciallo ha già attivato tutti i talismani contro la dipartita Londinese del ragazzo. Il granata Reggiano, invece, attraversa un periodo di altalenante difficoltà; esaurite le sparate di Vazquez, con Toni alla trentottesima primavera, non riteniamo che il fantantonio nazionale possa caricarsi l'intera squadra sulle spalle, a maggior ragione in chiave scudetto.

Sempre più fanalino e, sempre più di coda, il buon Dipalo persiste nel navigare in acque piuttosto tempestose e, in questo momento, ci sbialciamo nel pronosticare più semplice la salvezza del Cesena. Discorso diverso per i campioni in carica della TelecomA che, totalmente appagati e con il progetto "giovanili" in pieno sviluppo, avevano dichiarato sin da agosto di intraprendere un percorso che non avrebbe garantito successi immediati. A metà classifica troviamo il solito purgatorio di coloro che hanno sbagliato a settembre, oppure hanno avuto la rosa decimata da qualche lombosciatalgia cronica, o, peggio ancora, hanno puntato su cavalli zoppi. Non è ancora troppo tardi per inserirsi su obbiettivi importanti, ma un colpo di mercato è sicuramente la base per un buon girone di ritorno.

Siamo alla diciottesima giornata e tutto va incredibilmente bene.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS